Cosa avrei voluto sapere prima di partire per l’India, e consigli vari…

Benvenuto/a in questo nuovo articolo sull’India. Oggi vorrei darti alcuni consigli pratici per quando deciderai di andare a visitarla.
Io, purtroppo, non avendo avuto conoscenti che ci fossero già stati, ho commesso qualche errore che ti vorrei raccontare così che possa non commetterli anche tu. In fondo all’articolo, poi, ti darò qualche ulteriore suggerimento per goderti al meglio questo viaggio!
Iniziamo 🙂

Avrei voluto sapere… che spostarsi a mezzo strada non è affatto veloce!

I tempi medi di percorrenza tra una città e l’altra, in autostrada, sono di circa… 50 km/h!
In strada vi sono mezzi lenti, quali motorini, mucche ed… elefanti, che rallentano molto la percorrenza.
Ti consiglio quindi di tener conto di questo dato per evitare di trascorrere intere giornate in auto.

Avrei voluto sapere… che il cibo in India costa davvero pochissimo!

I primi giorni, ascoltando i consigli delle guide, mi recavo in ristoranti in cui spendevo quasi quanto si spende in Italia. Gli articoli che avevo letto, però, avevano ribadito più volte quanto poco costasse la vita in India, così, anche se esitante, ho provato ad iniziare a cercare da sola i posti in cui mangiare. Ho scoperto che è proprio così: il cibo in Rajasthan costa pochissimo! E’ raro trovare ristoranti e locali su app come Tripadvisor, per cui bisogna rischiare e provare, però ne vale la pena: le guide mi consigliavano spesso luoghi costosi (che col sovrapprezzo a me applicato, offrivano il pasto a loro) e turistici, per cui mi trovavo a mangiare sempre le stesse pietanze.
In un Paese come questo, vale la pena di provare! Chi l’avrebbe mai detto che mi sarei innamorata del gelato allo zafferano?

Avrei voluto sapere… che i calzini bianchi sono un salvavita!

Ebbene sì, nei posti in cui bisogna camminare scalzi (e in India sono la maggior parte), sia i piedi scoperti che coi calzini neri a contatto col suolo bollente potrebbero farti bruciare la pianta del piede, rendendo così difficili le camminate nei giorni successivi. Per ovviare a questo inconveniente ti consiglio di portare con te dei calzini bianchi. A me hanno davvero salvata!

Avrei voluto sapere che… un paio di pantaloni lunghi in valigia non può mancare

Oltre ai calzini bianchi, ti consiglio di portare con te almeno un paio di pantaloni lunghi. In alcuni edifici non è infatti consentito entrare con spalle e gambe scoperte.

Infine, alcuni consigli sulla questione “acqua”

Ti vorrei dare qualche consiglio in merito all’acqua, argomento ostico in queste terre.
Gli abitanti dell’India sono abituati a una serie di batteri presenti nella loro acqua che invece a noi occidentali causano problemi di stomaco anche seri.
E’ importante quindi tenere sempre a mente di:
– non bere l’acqua servita sfusa, non imbottigliata, o dal rubinetto;
– lavare i denti utilizzando l’acqua di una bottiglietta;
– quando si acquista una bottiglia d’acqua, controllare che sia sigillata: spesso, per non sprecare i contenitori, le bottiglie vengono riempite dai lavandini;
– non acquistare macedonie di frutta già lavata o bevande fresche sfuse.
Avendo prestato attenzione a queste semplici regole, non ho riscontrato, fortunatamente, nessun problema!

Spero che questi consigli ti potranno tornare utili.
Intanto, se ti è piaciuto questo articolo, mettimi un like e segui il mio blog!
A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...