Pedaliamo piano fuori Milano – Dalla campagna al centro di Pavia

Il tour che vi presentiamo oggi parte dalla piccola frazione di Giovenzano, poco più di 1500 abitanti a pochi chilometri dalla Certosa di Pavia, nostro primo punto di interesse che raggiungiamo tramite la comoda ciclabile del Naviglio Pavese.

La sagoma della Certosa di Pavia

Tornati sulla ciclabile che costeggia il naviglio ci dirigiamo verso Pavia e lentamente le campagne circostanti lasciano il posto ai primi accenni di città fino ad arrivare nella prima periferia della città.

Senza mai lasciare la ciclabile e l’acqua che scorre alla nostra destra, fiancheggiando il centro storico arriviamo fino a dove il naviglio entra nel fiume Ticino e da un ponticello si può guardare l’ultimo salto prima che i due corsi d’acqua si uniscano qualche metro più avanti.

L’ultimo salto del Naviglio Pavese prima di entrare nel Ticino

Da qui in avanti si entra nel centro storico ed il primo punto di interesse che troviamo è il Ponte Coperto, costeggiano il Ticino lo si vede da prima in lontananza in tutta la sua interezza e pedalata dopo pedalata arriviamo fino a sotto le sue mura, una foto è d’obbligo tra le colonne che si affacciano sul fiume.

L’interno del Ponte Coperto

Ultima tappa della pedalata il Castello Visconteo, appena fuori dal centro storico nel mezzo del suo piccolo ma ben curato parco a ridosso del Naviglio Pavese, e proprio da qui che riprenderemo la strada del ritorno verso il punto di partenza.

Il castello Visconteo

Quello che colpisce di più di questo tour è il continuo cambio di atmosfera, si passa dalle campagne alla città fino al centro storico dove in città sembra di non esserci più. Nel nostro prossimo articolo vi racconteremo del nostro giro per il ponte di barche di Bereguardo, strade sterrate tra campi e boschi per sbucare infine al ponte di barche sul Ticino, saremo immersi nella vegetazione che, a seconda della stagione potrebbe essere anche molto fitta, e se vorrete partecipare anche voi ad uno dei nostri eventi non vi resta che contattarci. Vi aspettiamo!


Dalla passione per la natura e le attività all’aria aperta, nasce l’associazione sportiva dilettantistica “Le Anatre OUTDOOR”.
Il nostro nome, le “anatre” è stato scelto per la loro capacita di adattarsi e di sopravvivere, piccole e simpatiche, appena nate sanno già camminare e col tempo, imparano a nuotare e anche volare.
Le nostre attività saranno dedicate all’ “OUTDOOR”, principalmente nella zona del Parco Agricolo Sud Milano ed il Parco del fiume Ticino (patrimonio UNESCO).
In bici attraverso navigli e rogge, campi, boschi e fiumi a pochi passi da Milano, al di fuori del traffico e dalle strade più battute, luoghi sconosciuti alla maggior parte delle persone diventeranno alla portata di tutti.
Niente può eguagliare il senso di libertà che dà la bicicletta, vento in faccia, la natura tutto intorno e la fatica che viene annullata dal divertimento.  Insieme ad altre realtà del territorio creeremo poi esperienze molto particolari, non solo bici, ma anche gommone, yoga, grigliate, il tutto assecondando quello che le varie stagioni ci offrono.
E poi se vorrete, impareremo tecniche e segreti dagli esperti, piccoli e grandi insegnamenti per diventare sempre più autonomi nelle uscite outdoor.
Io mi chiamo Mirko ed insieme allo staff de “Le anatre OUTDOOR” vi accompagnerò alla scoperta del nostro territorio!
Contatti
Sito web: www.leanatreoutdoor.it
E-mail: info@leanatreoutdoor.it

Rispondi