Cosa fare e visitare a Cesky Krumlov

Un luogo magico, patrimonio dell’UNESCO

A sole tre ore da Praga, con i mezzi pubblici è possibile raggiungere una fantastica città, Cesky Krumlov, che consiglio vivamente a chi vuole scoprire un po’ la Repubblica Ceca con una gita “fuori porta”.

Cesky Krumlov si trova nella regione della Boemia meridionale (a sud di Praga), ed è attraversata dalla Moldava, in ceco Vltava: la città è infatti interamente costruita attorno al fiume il quale circonda a ferro di cavallo la città medievale creando un effetto visivo davvero impressionante.  È sicuramente una meta molto romantica ma allo stesso tempo perfetta per chi ama fare fotografie.

Cesky Krumlov
Cesky Krumlov

Iniziamo però con un po’ di storia (attenzione, non è a lieto fine)…

Il nome, Cesky Krumlov,  significa “colle tormentato” e nel 1605 divenne la residenza del figlio di Rodolfo II e Katerina de Strada (con cui ebbe in tutto sei figli) Julius. Julius era schizofrenico e durante il suo periodo a Cesky Krumlov si legò sentimentalmente alla figlia del barbiere della città; un giorno però, forse a causa di una lite forse per via della sua schizofrenia, accoltellò la giovane fidanzata e credendola morta la gettò dal castello.

Fortunatamente la ragazza si salvò e ritornò tra le mura domestiche. Julius allora provò (fallendo) diverse volte a vederla finché decise di incarcerare il padre e costringerlo così a dargli il permesso di vederla. Julius ebbe così il permesso dal padre incarcerato, dopo 5 settimane di prigionia, di vedere la ragazza nella casa paterna ma, poco dopo, il 18 febbraio 1608, in un altro impeto di follia la uccise facendola a pezzi.

Ma cosa c’è da vedere a Cesky Krumlov?

Innanzitutto, vi consiglio di prendervi del tempo e letteralmente girare senza meta: Cesky Krumlov è una città piccola con piccole stradine, sali-scendi, locande tipiche e scorci bellissimi.

Apparentemente può infatti sembrare una piccola cittadina medievale (nasce infatti attorno al 1300), ma al tempo era ricca e molto potente tanto che sotto la corte dei Rosenberg era ritenuta, per bellezza e prestigio, al pari di quelle del castello di Praga.

È possibile tutt’ora vedere nei muri dei palazzi del centro storico il simbolo di questa famiglia: la rosa con cinque petali; un’altra dinastia importante tanto a Praga quanto a Cesky Krumlov è la dinastia degli Schwarzenberg che vi si insediò dal 1700 al 1947 (loro discendevano dagli Orsini, per questo motivo il loro simbolo era spesso l’orso).

Cesky Krumlov
Dettaglio di alcuni palazzi nel centro storico

Un luogo sicuramente da visitare è il castello di Cesky Krumlov, secondo per grandezza in Repubblica Ceca, che è circondato da un fossato al cui interno vi sono tre orsi bruni: a volte si vedono, altre volte no, ma vi assicuro che ci sono!

Cesky Krumlov
Uno degli orsi del fossato

Passato il fossato e l’entrata del castello, si possono ammirare diversi edifici gotici e barocchi dove abitavano nobili ma anche i cortigiani e tutti coloro che lavoravano all’interno del castello.

Proseguendo si arriva ad un corridoio voluto dai Rosenberg da cui si accede a quattr o cortili in cui vi sono gli antichi palazzi signorili. Sempre in questa zona troviamo un ponte barocco coperto che porta al teatro barocco: costruzione i cui sfondi dipinti “anticipano” i moderni cinema in 3D (ancora oggi è possibile vedere in questo teatro degli spettacoli ma i biglietti sono più costosi rispetto alla media).

Altra zona molto interessante è quella dei giardini signorili nati attorno al 1600, sono circa 750 mt per 150 terrazzati e vengono anche chiamati “giardini reali”. Al loro interno vi è un secondo teatro di inizio’900, all’aperto, che gira: anche questa è un’esperienza che consiglio ed è sicuramente più fattibile rispetto al teatro barocco (economicamente ma anche in termini di fattibilità: ci sono infatti moltissimi spettacoli durante quasi tutto l’anno). In scena ci sono diversi tipi di spettacoli e, in estate soprattutto, è davvero piacevole assistervi, non è così comune vedere un teatro che letteralmente si muove durante la messa in scena di uno spettacolo, no?

Vista dal castello, prima di accedere ai giardini reali
Altra vista sempre dal castello

Questa città è però anche famosa per l’arte contemporanea: qui c’è infatti c’è un museo di arte moderna-contemporanea dedicato a un importante pittore del 900: Egon Schiele. “Egon Schiele art centrum” è il museo a lui dedicato dove è possibile ammirare le sue opere e quelle di altri artisti del’900.  Ma perché Egon Schiele? La madre di Egon Schiele, che invece è austriaco di nascita, veniva proprio da Cesky Krumlov e lui stesso passò dieci anni (1907-1917) in città (all’interno del museo è possibile ammirare alcuni suoi lavori dove vi è disegnata la città stessa).

Vi aspetto per scoprire insieme Praga e dintorni!


Vorresti organizzare una visita guidata qui?

Clicca qui e compila il form: selezioneremo per te la giusta Guida turistica, escursionistica o esperienziale che possa accompagnarti alla scoperta del territorio secondo le tue preferenze e il tuo budget!

Seguici sui canali social per non perdere novità, eventi, consigli e idee per il tuo tempo libero:


Martina Boschian
Ciao sono Martina, da diversi anni vivo e lavoro a Praga come insegnante e guida turistica. Mi sono laureata in storia dell’arte con una tesi su un fotografo della Repubblica Ceca ma è stato il caso, o il destino, a portarmi in questa città e a farmi rimanere. Praga è una città magica che mi permette, ad ogni tour, di conoscerla e farla conoscere sempre meglio: Praga e i dintorni sono posti magici, ricchi di storia, di natura, di leggende, ma anche fonte inesauribile di dettagli che hanno tutte le carte in regola per rimanere indelebili nella memoria di chi decide di scoprirle.

Rispondi