Finestra sull’Arte – Benedetta Cappa Marinetti

Il volto femminile del futurismo

Benedetta Cappa. Sintesi delle Comunicazioni, 1933-1934. Tempera e l’encausto su tela, in mostra al Guggenheim di New York (2014).

Benedetta Cappa Marinetti fu una delle artiste più importanti legate al futurismo. Il movimento, fondato nel 1909 dal marito di Benedetta, Filippo Tommaso Marinetti, era in larga parte basato sull’idealizzazione della velocità e del dinamismo e sul rifiuto del passato. Esaltava la vita moderna e in particolare la città e i suoi mezzi di trasporto.

Il futurismo era notoriamente un movimento maschio centrico, ostile alle donne. In molti manifesti del futurismo (parecchi dei quali scritti da Marinetti) amore e matrimonio venivano fatti a pezzi. Nonostante tutto, però, Marinetti strinse un legame sentimentale con la giovane Benedetta Cappa nel 1918.

Benedetta si dedicò alla pittura nel primo dopoguerra. Conobbe Marinetti, molto più vecchio di lei, attraverso il suo maestro, il pittore futurista Giacomo Balla. Il suo coinvolgimento romantico con Marinetti coincise con la cosiddetta seconda fase del futurismo, che durò dagli inizi degli anni Quaranta.

La seconda fase aspirava a catturare l’eccitazione dei viaggi aerei e la Cappa Marinetti giocò un ruolo fondamentale per definirla attraverso poesie e dipinti. In uno stile conosciuto come aeropittura, cercò di raffigurare gli effetti e l’altezza del volo.

Uno degli esempi più straordinari di aeropittura futurista è costituito dalla serie di pannelli intitolata Sintesi delle Comunicazioni, realizzata da Benedetta Cappa Marinetti e commissionata dalle Poste di Palermo per il palazzo progettato da Angelo Mazzoni. La pittrice creò cinque grandi pannelli separabili che declinavano il tema delle comunicazioni moderne, evidenziando lo sviluppo tecnologico. Il movimento è centrale in tutti i pannelli.

Sintesi delle comunicazioni Aeree, 1933-4. Tempera ed encausto su tela, 320 x 195 cm. Palermo, Palazzo delle Poste.

Sintesi delle Comunicazioni Aeree, per esempio, celebra il potere del volo. I restanti quattro dipinti mostrano una nave commerciale, un’altissima antenna metallica, un’imponente autostrada e una serie di onde radio che si espandono sopra un paesaggio moderno.

In quest’opera un aereo buca le nuvole suggerendo che le comunicazioni non si svolgono più a terra ma nel cielo. La terra è ridotta a un piccolo conglomerato di abitazioni private, mentre in cielo si spalanca tutta una gamma di nuove possibilità. I cinque pannelli sono accumunati da una comune gamma di colori, che vuole celebrare il nuovo mondo dominato da tecnologia e modernizzazione.

Al di là del suo contributo all’aeropittura, il lavoro di Benedetta Cappa Marinetti fu determinante per sviluppare un novo approccio all’esperienza sensoriale. Durante la formazione come maestra elementare che inizialmente aveva intrapreso era rimasta colpita dagli insegnamenti di Maria Montessori sull’importanza dell’esperienza tattile nello sviluppo del bambino. In seguito la pittrice ritornò su queste idee e le rivisitò nel contesto del futurismo. Insieme al marito sviluppò una serie di opere, come ad esempio Sudan-Parigi (1920), realizzate per essere toccate anziché guardate. Sfinito dalla Seconda guerra mondiale, Marinetti morì nel 1944.

Benedetta Cappa Marinetti abbandonò la sua arte e per il resto della vita si concentrò sulla conservazione dell’eredità artistica del marito.

Benedetta Cappa Marinetti, Sintesi delle Comunicazioni. Palermo, sale conferenze del Palazzo delle Poste.
Benedetta Cappa e Filippo Tommaso Marinetti

Vorresti organizzare un viaggio in queste zone? Clicca qui: troveremo per te la giusta Guida turistica, escursionistica o esperienziale che possa accompagnarti alla scoperta del territorio!


Una prima laurea in Scienze dei Beni culturali e una specializzazione in Storia e critica dell’arte. Convinta aspirante insegnante, milanese di nascita, amante di tutto ciò che è artistico!
La rubrica “Finestre sull’arte” nasce per raccontare e condividere con voi ciò che conosco su opere, artisti e correnti artistiche, raccontandole in brevi articoli di pochi minuti, come se fossero delle vere e proprie pillole da assumere una volta al giorno. Perciò, se siete interessati ad approfondire la vostra conoscenza su questi temi, date un’occhiata ai miei articoli sul blog!

Rispondi